Di getto… extra

Un racconto di 20 righe ispirato alla frase…

Bisogna avere un caos dentro di sé per partorire una stella danzante

Friedrich Nietzsche

Un raccontino scritto di getto per un contest di un gruppo Facebook dedicato agli scrittori (che ringrazio per l’iniziativa). Buona lettura!

Questa storia giunge da un universo parallelo. Un universo apparentemente molto, molto lontano e, di certo, sconosciuto ai più. Una storia che parla di Vita e morte, di oscurità e luce. Una storia che potrebbe sembrare del tutto normale, ma che qualcuno, però, definirebbe “semplicemente pazzesca”. 

Ad un tratto ci fu un boato. Incontenibile, violento, assordante. Vibrarono i vetri quasi a volersi infrangere, l’animo sobbalzò, le gambe tremarono, il cuore iniziò a battere sempre più veloce, le mani a sudare, il respiro divenne affannato e… La notte si tramutò in giorno. Qualche secondo soltanto e poi di nuovo silenzio. 

Si alzò di scatto, abbandonando, senza nemmeno pensarci, il tepore del suo letto. Esitò qualche impercettibile attimo prima di sporgersi al di là della pesante tenda di lino che copriva la finestra, aggrappandosi involontariamente al suo spesso intreccio. Già sapeva: Il Caos era tornato a impadronirsi di quel mondo. Niente e nessuno l’avrebbe potuto fermare, troppo tardi. Respirò profondamente, prese coraggio e si affacciò, cercando una qualsivoglia certezza nel cielo. Alzò lo sguardo impaurito, nella convinzione di ritrovarsi dinnanzi a un’apocalittica scena. E invece…

Una bellissima stella era apparsa nel buio, dissipando il vuoto delle tenebre. Impossibile non notarla, tra tutte una delle più belle, delle più splendenti. Intrigante, affascinante, tanto da rimanerne ipnotizzati.
Un’inconscia parte del suo essere intimò subito di non osservarla, di non prestarle attenzione o sarebbe stata di certo la sua dannazione. Ma il suo Io dettò ancora legge, senza pietà alcuna. E fu Vita meravigliosa, intensa, danzante e Vera. Finché, improvvisamente, la stella non sparì. Lasciando solo un momento da narrare e un’indelebile cicatrice sul cuore.

D’altronde è così che nascono le storie più eccezionali. Dicono…

Anna “Annina” Lorenzi – 15 maggio, 2021 – #DiGetto

Un testo “Original A19”
Copyright ©2021 Anna Lorenzi. Tutti i diritti riservati.

Foto originale: Nick Owuor su Unsplash


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...